Chi siamo

Stefano Boeri Interiors è lo studio multidisciplinare nato nel 2018 dalla realtà di Stefano Boeri Architetti, dalla cui esperienza progettuale e di ricerca attinge per operare e sviluppare progetti e ricerche nell’ambito dell’architettura di interni, dell’exhibition design e del product design. La sede di Stefano Boeri Interiors, a Milano, in Alzaia Naviglio Grande 108, è uno spazio laboratorio, un luogo d’incontro e di scambio di idee, discipline e realtà professionali che si occupa inoltre di curatela e organizzazione di eventi, di progettare e realizzare mostre e allestimenti fieristici e culturali, così come dello sviluppo di progetti di grafica e comunicazione di diffusione e promozione, realizzando ad hoc format digitali ed editoriali. All’interno di un ampio contesto di ambiti operativi, Stefano Boeri Interiors ha competenze specifiche di: Project Management, offrendo un percorso progettuale innovativo ed unico, coerente in tutte le sue fasi di sviluppo, dall’idea alla consegna del prodotto finito; Ricerca e Coordinamento tecnico, rendendo ogni percorso progettuale un’esperienza inclusiva e partecipata; Engineering e Validazione progetti, garantendo, con la sua presenza continuativa, la qualità del progetto fino allo sviluppo esecutivo, la pianificazione dei piani produttivi e la sua messa in opera; Pianificazione, intesa come programmazione dettagliata per l’implementazione e la linearità del processo progettuale e produttivo; Produzione e Supervisione lavori, avvalendosi di una fitta rete di partner selezionati diretti e indiretti che diventano strumento essenziale a garanzia della qualità e coerenza nei risultati; Controllo Qualità come criterio di verifica, in ogni fase dei piani di lavoro, per il raggiungimento degli obiettivi attesi, programmati e infine prodotti; Assistenza e Logistica che diventa capacità di reazione e pronta azione per la massima flessibilità in fase di sviluppo del progetto e nella fase di produzione, nel rispetto della qualità e dei piani di consegna; Monitoraggio e Certificazioni come valore aggiunto nel rispetto delle aspettative, risolvendo costantemente ogni eventuale criticità, stimolando la ricerca di soluzioni e alternative.

 

Stefano Boeri Interiors fonda pertanto la sua attività sulla qualità dei processi. Crede nell’inclusività e nella progettazione integrata, cercando nella collaborazione e nella condivisione le soluzioni a specifiche esigenze al servizio di ogni fase progettuale, di gestione, di sviluppo e produzione. Stefano Boeri Interiors è una realtà agile e flessibile, impegnata nella ricerca di soluzioni innovative, che aspirano ad una visione integrale.

“Mai come oggi lo studio dei nuovi bisogni abitativi, delle aspettative e dei desideri delle diverse popolazioni di utenti, è cruciale per il nostro mestiere. E, mai come oggi, sono gli spazi interni e gli oggetti della vita quotidiana a riflettere le trasformazioni negli stili di vita e nei modi di abitare. Stefano Boeri Interiors nasce dalla scelta di creare un laboratorio permanente di ricerca e progettazione su una sfera vitale della vita quotidiana, che spesso l’architettura e l’urbanistica tendono a sottovalutare”. Stefano Boeri

Tra i valori e i principi che Stefano Boeri Interiors promuove e che stanno alla base del suo approccio progettuale troviamo la demineralizzazione delle superfici urbane, che incentiva la produzione e la condivisione di energia proveniente da fonti rinnovabili in varie forme e scale di progetto. Lo studio, infatti, favorisce e sostiene un’economia circolare, grazie all’impiego di materiali di derivazione naturale, dotati di livelli di certificazioni e garanzia per la salubrità degli spazi abitati o che abbiano elevate percentuali di riciclato. Con il suo lavoro, infatti, favorisce la crescita della biodiversità, tutelando gli habitat naturali e riqualificando quelli degradati. Una progettualità dell’oggi sempre proiettata nel futuro, che tiene in considerazione e si sviluppa attorno a scenari climatici di medio e lungo periodo, dai 10 ai 30 anni. Giustizia nella transizione, per promuovere piani diffusi di qualificazione energetica, benessere e salubrità di tutto il patrimonio umano e vivente, ricercando una concreta e solidale ecologia integrale. Stefano Boeri Interiors si occupa, inoltre di mobilità,  di persone e di idee, variando da soluzioni sia per i trasporti e le infrastrutture che per la comunicazione; di commercio, applicato alla vendita e alla distribuzione, e focalizzato sul mondo retail e dettaglio; di ospitalità, nello specifico di impresa ricettiva, ristorazione e turismo open-air; di lavoro, con uno sguardo al futuro del mondo office e tutte le sue declinazioni; di servizi applicati al mondo della ricerca scientifica e della formazione istituzionale e sportiva.

“Il modo migliore per investire nel futuro è prendersi cura delle risorse, delle persone, degli spazi, delle idee, dei clienti e dei collaboratori. Di tutto il pianeta.” Giorgio Donà

Architetto e urbanista, Stefano Boeri è professore al Politecnico di Milano e Visiting professor in diverse università internazionali.

 

Stefano Boeri, oltre ad essere Co-Fondatore di Stefano Boeri Interiors, è Fondatore e Socio Principale di Stefano Boeri Architetti, con sede a Milano e uffici a Shanghai e Tirana. Il lavoro di Stefano Boeri Architetti spazia dalla produzione di visioni e architetture urbane, con una costante attenzione alle implicazioni geopolitiche e ambientali dei fenomeni urbani. L’attenzione al rapporto tra città e natura ha portato nel 2014 alla creazione del Bosco Verticale, il primo prototipo di edificio residenziale che ospita più di 700 alberi e 20.000 piante. Costruito a Milano, il Bosco Verticale ha ricevuto molti premi internazionali, come l’International Highrise Award nel 2014 e il Best Tall Building Worldwide Award nel 2015 dal CTBUH.

 

Lo studio Stefano Boeri Architetti sta attualmente lavorando a diversi progetti internazionali di Urban Forestry, tra cui le Foreste Verticali di Parigi, Losanna, Utrecht, Eindhoven e Nanchino, e la Smart Forest City di Cancun. Nel febbraio 2018 Stefano Boeri è stato nominato presidente della Fondazione Triennale Milano, una grande istituzione culturale internazionale, con sede a Milano.

 

Nel novembre 2018 è stato co-presidente del comitato scientifico del primo Forum mondiale sulle foreste urbane, organizzato a Mantova insieme alla FAO (Food and Agricultural Organization, ONU). Nel 2019 ha presentato a New York il progetto Great Green Wall of Cities, sviluppato con FAO, C40, UN Habitat e altre organizzazioni di ricerca internazionali, in occasione dell’UN Climate Action Summit 2019.

Architetto, Giorgio Donà si è laureato in Architettura nel 2011 all’università IUAV di Venezia.

 

Giorgio Donà è Co-Fondatore e Direttore di Stefano Boeri Interiors, uno studio multidisciplinare con sede a Milano, che opera e sviluppa progetti e ricerche nel campo dell’interior design, dell’exhibition design e del product design. Inizia la sua carriera con Stefano Boeri nel 2012, quando entra a far parte del team di Stefano Boeri Architetti. Ha partecipato a diversi concorsi internazionali in cui ha ricevuto premi e menzioni d’onore. Nel 2011 ha ricevuto una menzione speciale in un concorso internazionale per il progetto di rigenerazione urbana “Venice City Vision” con una giuria speciale e il presidente Bjarke Ingle (BIG architects). I suoi lavori sono stati pubblicati in diversi libri e riviste internazionali come “Cityvision Mag” (Indipendent Architecture Stuff – Numero 4 – 2011) e in diversi cataloghi come “Fundamentals” (Biennale di Venezia – 2014), “Reporting from the front” (Biennale di Venezia – 2016) e l’ADI Design Index per il progetto “Across Chinese Cities – Beijing”.

 

Giorgio Donà sta attualmente lavorando a progetti su diverse scale, campi e geografie: oltre all’interior design, si occupa di design di mostre ed eventi, product design, ricerca e direzione artistica. Molti dei suoi lavori sono stati pubblicati in diversi libri come “Atlas. Nuove pratiche per una migliore gestione dei rifiuti” (Comieco – 2018), diverse riviste internazionali come “Interni Magazine” (Numero Dicembre 2020) e cataloghi come “Homo Faber. Crafting a more human future” (Marsilio – 2018).

Foto: Giovanni Gastel (Stefano Boeri), Comunicarlo (Giorgio Donà)

Torna su